Affrontare le paure con i racconti.

Attraverso le storie, i bambini costruiscono un magazzino di risorse.

Aiutare i bambini a saper affrontare e gestire al meglio le proprie PAURE si può ed è possibile farlo attraverso i racconti. Con questo articolo, vogliamo rendervi partecipi di una meravigliosa storia che abbiamo raccontato e proiettato ai bambini durante il nostro laboratorio con la Dott.ssa Francesca.

Si tratta dell’avventura di Trasp, l’aquilone trasparente, racconto ispirato all’opera d’arte di Keith Haring “Untitled, 1986”, tratto dal libro “l’arte a soqquadro” di Ursus Wehrli, ed. il Castoro, Milano… Trasp era un aquilone trasparente, che come tanti aquiloni era attaccato ad un filo di un ambulante che camminava lungo la spiaggia.

Un giorno il filo di Trasp si ruppe e lui cominciò a volare alto nel cielo… aveva tanta PAURA poiché non riusciva ad avere il controllo di se stesso e, per tale motivo, veniva catapultato da una parte all’altra.

Il vento, ad un certo punto, gli organizzò uno scherzo e si fermò all’improvviso.

L’aquilone precipitò fino ad atterrare sulla testa di uno gnomo. Questo gli chiese da dove provenisse e, dopo averlo ascoltato, lo portò nella sua casetta che era un vero e proprio laboratorio di colori.

Lo gnomo mise tutti i colori dentro ad un pentolone e cominciò a girare e girare creando tantissime combinazioni, fino a quando Trasp si immerse e cominciò a colorarsi di rosso, verde, giallo… insomma di tantissimi colori.

Lo gnomo ammonì però di stare attento all’acqua, in quanto questa lo avrebbe reso di nuovo trasparente.

Trasp con il suo nuovo aspetto cominciò a volare sul mare, sulle città, sui boschi, ma si accorse che i colori non lo attraversarono più, pensando quindi che si divertiva di più quando tutti i colori del mondo lo coloravano. Così decise di tuffarsi nuovamente nell’acqua per continuare a volare alternando i colori sulla base di dove si trovava e quindi di tornare trasparente….

Il patrimonio dei racconti è fondamentale per una crescita armoniosa ed equilibrata.

Con i bambini noi abbiamo deciso, tutti assieme, di modificare la storia proprio perché a noi piaceva l’aquilone colorato, ognuno lo ha immaginato a modo suo, un aquilone unico nel suo genere, pieno di emozioni e non compiacente come Trasp che si adattava a tutto ciò che incontrava.

Al termine del racconto i bambini hanno realizzato il loro personale aquilone.

Le emozioni sono un tema molto delicato per i bambini e nessuna emozione né positiva né negativa va repressa. Anzi l’errore in cui l’adulto solitamente cade è quello di reprimere quest’ultime ad esempio se un bambino cade la risposta dell’adulto è: “dai alzati, non ti sei fatto nulla“. Noi, invece, consigliamo sempre di lavorare proprio su queste emozioni per crescere bambini sicuri ma soprattutto felici.

Condividi su: