L’importanza della motricità fine e l'uso del cellulare.

Vediamo come lo sviluppo della motricità fine è ostacolata dall’utilizzo dei dispositivi elettronici.

“La mano è quell’organo fine e complicato nella sua struttura, che permette all’intelligenza non solo di manifestarsi, ma anche di entrare in rapporti speciali con l’ambiente”. Cosi sosteneva Maria Montessori, nota pedagogista, scrittrice, medico, scienziata e neuropsichiatra infantile.

Le mani, già dalla nascita, rivestono un ruolo molto importante nella nostra vita in quanto sono il mezzo di esplorazione del mondo e quindi, il nostro primo contatto con la realtà. Già sin da piccolini abbiamo a che fare con la motricità fine, ovvero il controllo motorio su piccoli movimenti delle mani e delle dita che richiedono capacità di concentrazione e una buona coordinazione oculo-manuale.

Infatti il neonato inizia ad afferrare i primi oggetti, i sonagli e piano piano crescendo, migliorano anche le sue capacità di prensione e manipolazione di oggetti ben più precisi.

Per attività di motricità fine ci si riferisce alle attività di vita quotidiana che i bambini, anche seguendo l’esempio degli adulti, apprendono man mano nel corso della loro crescita (stendere i panni, vestirsi, chiudere la zip, ordinare i giochi, infilare e sfilare, allacciare le scarpe e tantissime altre ancora).

Tutte queste attività sono molto importanti perché sviluppano l’autonomia nei bambini, affinano le loro capacità di risoluzione dei problemi (problem solving), possibile attraverso la ripetizione dei continui movimenti, sviluppano creatività, curiosità esplorativa oltre che una buona base per l’apprendimento futuro della scrittura.

L’era in cui ci troviamo oggi ci ha immessi in un mondo tutto tecnologico e digitale e ha fatto perdere un po’ l’importanza di queste fondamentali attività.

Il risultato?

Innanzitutto oggi ci troviamo di fronte a bambini poco stimolati e attenti alle attività scolastiche, dove  faticano a concentrarsi quando si cerca di imparare, sperimentando, bambini che non hanno una buona destrezza nelle dita e nelle mani, ma soprattutto dove viene proprio a mancare la creatività nei loro stessi lavori.

Le tecnologie fanno parte della nostra vita, perché non limitarne l’utilizzo per il benessere dei nostri bambini?

Quando siete a casa con loro, ci sono tantissime attività da poter fare insieme, divertendosi… bastano pochi materiali, anche di riciclaggio e tanta creatività.

Potete colorare, disegnare, giocare insieme a loro con le bambole o perché no, farvi aiutare in cucina nel momento della preparazione dei pasti, ordinate insieme i vestiti, realizzate bracciali e collane, utilizzate le forbici… insomma divertitevi insieme e vedrete, anche per voi adulti, quanto sarà bello tornare bambini!

Condividi su: